Di corsa (camminicchiando) sotto la pioggia

Eccomi qui a scrivere un ponderatissimo post sulla domenica corsereccia appena trascorsa all’appuntamento romano della Race for the Cure… faccio fatica a non dimenticare delle cose… ci sarebbero talmente tanti fatti da raccontare che non so quanti giorni impiegherò per fare un resoconto dignitoso… con il mio personal style…

Con la minaccia di pioggia incombente, punto la sveglia alle 7 di domenica mattina (sperando di trovare il bagno di casa libero), e con i vestiti già pronti dalla sera prima – proprio per ottimizzare i tempi – mi avvio per iniziare gli sciacquettamenti mattutini… poco fiduciosa mi preparo la colazione, infuso alla mela e pane tostato con doppia razione di marmellata (in previsione del prolungato sforzo fisico a cui andavo incontro) e intanto scruto il cielo nero e minaccioso…

Con il mio fido iPod al seguito, mi avvio verso la stazione dietro casa per prendere il treno che mi avrebbe lasciata ad ostiense, ad una fermata di metro dall’appuntamento fissato dalla capitana… ma… iniziano gli intoppi… parte l’incomprensibile voce dell’altoparlante della stazione che annuncia “Attescion plìs, attescion plìs! Causa perturbazione atmosferica il treno non effettuerà la corsa prevista.” Sprofondo nel panico, temevo di arrivare tardi, e memore della minaccia di evy per i ritardatari (di portare il capitano in braccio per tutto il percorso) inizio a togliere le ragnatele dal cervello per sfoderare una strada alternativa… ma nulla, è tutto inutile e mi rassegno ad aspettare la corsa successiva per 30 interminabili minuti… dopo la doverosa pausa bagno alla stazione di Ostiense, mi avvio alla metro e con molta sorpresa inizio ad incontrare persone con la maglietta della Race, anche qualche famigliola con bambini a seguito tutti contenti di andare a fare una passeggiata con mamma e papà e di vedere tanta gente…

Arrivata a Circo Massimo, chissà perchè mi immaginavo di trovare poche persone… invece con mia somma sorpresa c’era una massa informe e multicolore di personaggi di varia nazionalità che ridevano e scherzavano… tutti pronti a fare la maratona… dopo alcune telefonate la capitana mi è venuta a recuperare per unirmi al gruppo in attesa che arrivassero le ultime componenti… è stato un po’ “traumatico” dare dei volti, delle voci e delle espressioni a dei nick di un blog… tutt’ora faccio un pochino di confusione ad associare nomi e volti… ma sciolti gli indugi inizali siamo partiti alla volta della linea di partenza… e nostro malgrado ha iniziato a piovere… l’allegro ed umido motivetto della pioggia ci ha accompagnato esattamente fino a 10 minuti dopo l’arrivo, tra un “apri l’ombrello… chiudi l’ombrello… io j’o tajerebbe qu’ombrello”… tra impermeabili multicolor e ombrellini di pucca ci siamo avviate lungo il percorso, (di 2 o 5 chilometri) denso di pozzanghere formato lago di Bracciano e insidiosi sanpietrini… ma alla fine siamo giunti tutti a traguardo più o meno bagnati, tra sforzi eroici di compiere l’ultimo chilometro correndo e conversazioni multilanguage con un tedescone formato armadio ikea… spettacolo ragazzi… abbiamo proprio camminicchiato slalomando tra spose e discorsi più o meno seri, in ogni caso divertendoci e facendo molte risate… era un po’ di tempo che non mi capitava di stare bene con tante persone che praticamente non conosco per niente… sono stata proprio felice, ma i ringraziamenti li farò alla fine… quindi vi tocca leggere tutto e sciropparvi il polpettone che vi sto propinando!

D’obbligo il giretto al villaggio dentro l’attrezzatissimo impianto di Caracalla (ma de che) al grido di “gelato, gelato!”, ma non essendo bambini abbiamo dovuto accontentarci di palloncini, bolle di sapone e altre chincaglierie… il gelato ce lo siamo preso fuori, in un baretto, con la dovuta calma, finendo di chiacchierare e di progettare il prossimo incontro, dopo la blogbeer del 31 maggio… si fantasticava sulle nostre personali pins, un blog di gruppo… e tante belle cose che sicuramente prima o poi metteremo in pratica.

E nulla, una volta consegnato nelle mani della motorizzata Mary (non abbandona mai il suo fido squalo) l’aggregatore gonfiabile, ognuna si è avviata verso la sua strada trotterellando più o meno stancamente, ma secondo me contenta…

Adesso posso fare i ringraziamenti a tutti… la vostra tenacia è stata premiata… in primis alla capitana Evelina aka Evylyn, è stata fantastica nell’organizzare e gestire il tutto, e si vedeva che ci teneva paricolarmente… in secundis a Mary aka Pastamista che anche lei si è impegnata nella faccenda; poi a Chiara, aka kiaura per l’impegno che sta mettendo nel realizzare il nostro logo; una nuova gradita conoscenza, Viditu, simpaticissimo ma di cui al momento non riesco a focalizzare il nome… FIGURACCIA; Federica aka  Kika23, simpaticissima; la nostra fotografa ufficiale Giorgia (se sbaglio dimmelo, ti prego) aka Bryenh; Giorgia aka Giorgia, con cui ho avuto pochi scambi di parole ed infine l’ablogghica Rosanna, un’altra graditissima conoscenza (COME TUTTE LE ALTRE). Non voglio dimenticare le assenti Alesstar e Victoria Lewis.

Che dire, non vedo l’ora di combinarne delle altre con le matte della GeekGirls… e spero tanto che non vi siate tagliati le vene dopo aver letto tutto, io sono prolissa nel parlare e ancor più nello scrivere… avoglia a dire che dovevo fare teatro… mi si impiccavano tutti quanti dopo 10 minuti!!! Presi per sfinimento!!!

Fanciulle (e fanciullo) alla prossima, intanto beccatevi ste foto, va!!!!

* little update… Grazie per la comprensione Umberto, aka Viditu!!!!!

Annunci

8 Risposte to “Di corsa (camminicchiando) sotto la pioggia”

  1. ma no quale figuraccia… è più che normale… se non ci fossero i nick sarebbe dura… Viditu va più che bene… cmq Umberto, piacere

  2. ora correggo subito, non ne ero sicura e ho preferito evitare in attesa di una tua conferma… allora non so poi così tonta come sembra!!!

  3. Resoconto simpaticissimo!Grazie cara…

  4. di nulla, è stato davvero davvero davero un piacere…

  5. E se non c’eri tu, con chi parlavo di E.R.? Alla prossima (a fine mese, i suppose)! 🙂

  6. giusto di ER si può parlare con me… comunque… VOGLIO IL TUO OMBRELLO!!!

  7. Mi ha lasciato perplesso un solo dettaglio: se piove non c’è il treno per Ostiense? 😯 (e meno male che stiamo parlando della capitale…) Ciao Scorpio79

  8. attenzione, non era pioggia, ma una violenta perturbazione atmosferica… quanto ti si scatena l’uragano Kathrina è logico che il trenino della capitale da KO, che domande…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: